Lo sai che è importante rispettare l’ambiente ?

 

Perché nessuno ti vuole raccontare la verità sul rispetto dell’ambiente?

Solo quando l’estate è con temperature a 50 °C, qualcuno parla dell’ambiente.

Poi, silenzio.

Solo quando accadono alluvioni “strane” e devastanti, qualcuno si ricorda dell’ambiente.

Poi, silenzio.

Solo quando manca l’acqua a Roma, qualcuno si ricorda dell’ambiente.

Poi, silenzio.

Solo quando il fiume PO sta sotto la soglia di minima di oltre 3,5 metri, qualcuno parla dell’ambiente.

Poi, silenzio.

Eppure capisci subito che è importante, molto importante rispettare l’ambiente perché dobbiamo garantire ai nostri nipoti lo stessa qualità dell’ambiente che i nostri nonni hanno lasciato a noi.

Cosa possiamo fare, allora, per rispettare l’ambiente?

Certo,

non buttare la spazzatura per strada e cercare di produrne meno possibile.

 

Ma, se permetti, questo non basta.

Secondo me, per rispettare l’ambiente, prima di tutto occorre saper scegliere bene come costruire la propria casa.

Perché la casa è:

  • materiali da costruzione da produrre utilizzando con intelligenza e parsimonia le materie prime messe a disposizione dalla natura
  • lavoro e consumi energetici per produrre i materiali da costruzione
  • lavoro e consumi energetici per la costruzione della casa
  • consumi energetici per garantire il confort abitativo
  • lavoro e consumi energetici per la manutenzione
  • lavoro e consumi energetici per la futura demolizione ed il conseguente ritorno dei “calcinacci” all’ambiente

 

Allora, cerchiamo di rispettare l’ambiente al meglio pensando ad una casa costruita in modo da rispettare l’ambiente per i nostri nipoti.

O meglio, posso dire: “ . . . per rispettare i nostri nipoti”?

Oggi si parla tanto di ecosostenibilità.

  1. Utilizzare in piccola quantità materie prime naturali che in natura sono preponderanti è ecosostenibilità.
  1. Utilizzare soluzioni produttive dei materiali da costruzione che consumano poca energia è ecosostenibilità.
  1. Impiegare materiali da costruzione che necessitano di poco e semplice lavoro e consumano pochissima energia per costruire la casa è ecosostenibilità.
  1. Impiegare materiali da costruzione che consumano pochissima energia per garantire il confort abitativo è ecosostenibilità.
  1. Impiegare materiali da costruzione che sono facili da manutenere è ecosostenibilità.
  1. Impiegare materiali da costruzione che non generano elevati consumi energetici per la futura demolizione è ecosostenibilità.
  1. Impiegare materiali da costruzione che diventati “calcinacci” dopo la demolizione non necessitano di ulteriori speciali trattamenti atti a farli ritornare nell’ambiente è ecosostenibilità.

 

Ecco un altro modo per vedere cosa è ecosostenibilità.

La nostra Terra è costituita da una “crosta terrestre” fatta principalmente di calcare e sabbie silicee: addirittura, a grandi linee, possiamo dire che il calcare è oltre il 27 % mentre le sabbie silicee sono oltre il 65 % della crosta terrestre.

Spesso vedi “montagne” mangiate dalle cave per produrre ghiaia, brecciolino, ed altri prodotti impiegati nell’edilizia, per produrre manufatti che richiedono quantità ingenti di calcare e consumi energetici elevatissimi.

Oppure, ci sono “buche” enormi derivanti dallo sfruttamento delle cave di argilla per produrre laterizi e ceramiche.

Per iperbole ti dico che in Cina, ogni anno, per costruire case per la sola città di Pechino occorre consumare un territorio grande quanto la regione Lazio.

La produzione agricola Cinese, quindi, ogni anno perde una superficie pari alla regione Lazio!

 

Invece, in genere, le sabbie silicee non vengono utilizzate.

Sono i deserti e le zone sabbiose ove non si può fare agricoltura.

 

L’idea di utilizzare la calce e la sabbia silicea per fare manufatti di qualità per l’edilizia invece di usare argilla o cemento e gesso ha portato alla creazione di IPERBLOCK® base calce.

 

IPERBLOCK® è il primo calcestruzzo cellulare autoclavato base calce, perché impiega sabbie naturali e privilegia l’impiego della calce.

Ecco perchè IPERBLOCK® base calce è ecosostenibilità ed ecologia

  • rispetto ai laterizi di qualsiasi tipo, (che consumano argilla)
  • rispetto ai conglomerati cellulari autoclavati base cemento, (che consumano cemento e gesso)
  • rispetto ai manufatti in cemento, (che consumano cemento).

Per fare un metro quadrato di parete esterna da 30 cm di spessore, in linea con le attuali prescrizioni normative, in genere,

  • occorrono le seguenti quantità di materie prime
  • si impiegano i seguenti consumi energetici
  • si producono le seguenti emissioni di CO2
  • si hanno le seguenti incombenze post uso

 

Infatti, i laterizi pesano molto, ovvero consumano argilla in grande quantità.

Eppure l’argilla è presente in quantità discrete sulla crosta terrestre, e rappresenta il terreno ideale per l’agricoltura.

I laterizi necessitano di un enorme consumo di energia durante la fase produttiva di essiccamento e successiva cottura, producendo enormi quantità di anidride carbonica.

I laterizi da soli non raggiungono le prestazioni di isolamento termico richieste dalla normativa, ma occorre l’impiego associato di isolanti termici di origine petrolifera od altro.

 

I manufatti in cemento sono i più pesanti materiali da costruzione e consumano enormi quantità di cemento.

I manufatti in cemento da soli non raggiungono le prestazioni di isolamento termico richieste dalla normativa, ma occorre l’impiego associato di isolanti termici di origine petrolifera od altro.

Essi sono manufatti che consumano enormi quantità di energia a causa degli elevatissimi consumi energetici richiesti per la produzione del cemento e degli isolanti termici, inoltre producono enormi quantità di anidride carbonica.

 

Tutti i manufatti sopracitati non raggiungono le prestazioni di isolamento termico richieste dalla normativa da soli, ma necessitano di combinazioni con isolanti termici di origine petrolifera od altro.

Questo significa ricorrere a pareti multistrato di vario genere.

 

Ti ricorda qualcosa il recente incendio del grattacielo di Londra?

Le pareti erano di tipo multistrato con isolante e proprio l’isolante bruciava creando quegli orridi fumi velenosi e tossici.

Quindi, se permetti, valuta bene cosa significa parete multistrato con isolante e se vuoi ulteriori informazioni puoi andare a leggere su questo blog l’articolo “scopri il mio sistema per ottenere il migliore risultato contro il fuoco”.

 

I conglomerati cellulari autoclavati base cemento pesano poco, ma impiegano grandi quantità di cemento ed usano gesso, consumano una elevata quantità di energia in fase di lievitazione ed in fase di maturazione in autoclave, con produzione di notevole quantità di anidride carbonica.

 

I laterizi, i manufatti in cemento, i conglomerati cellulari autoclavati base cemento richiedono nella fase finale – ritorno in discarica – di procedimenti particolari a causa dei componenti presenti.

 

IPERBLOCK® base calce pesa poco, consuma in assoluto meno di ogni altro materiale da costruzione, contiene al minimo le emissioni di anidride carbonica in fase di produzione.

IPERBLOCK® base calce impiega sabbie silicee e calce.

Ovvero, piccole quantità delle materie prime più presenti sulla crosta terrestre.

Inoltre, il processo produttivo di IPERBLOCK® base calce è il più avanzato tecnologicamente, come riconosciuto da numerosi Awards e riconoscimenti di enti quali Regione Lazio, CNR, Governo Italiano, Istituzione Tedesca LGA, Istituzione Gradevinarsva di Zagabria, Commissione della Comunità Economica Europea, UNIDO.

Esso consente di ottimizzare i consumi energetici e minimizzare le emissioni di anidride carbonica.

IPERBLOCK® base calce è sabbia silicea e calce: può ritornare in discarica come prodotto naturale.

 

Hai letto fin qui?

Bene.

Ora puoi dire di conoscere qualcosa su ecologia ed ecosostenibilità.

 

Devi sapere che a dicembre 2015, a Parigi, 195 nazioni del Mondo hanno sottoscritto regole stringenti per la riduzione delle emissioni di CO2 per limitare l’aumento della temperatura globale ed i cambiamenti climatici.

Il Parlamento Europeo ha ratificato tali regole nel primo semestre 2016.

Il Parlamento Italiano ha confermato a settembre 2016 l’impegno Italiano in tal senso.

Recentemente tutti i Paesi del Mondo hanno confermato l’importanza di operare per ridurre i problemi dei cambiamenti climatici.

Se il Presidente degli USA è rimasto solo ad essere contrario agli impegni di Parigi, è vero che diversi Stati Americani e diversi Governatori USA sono invece a favore degli impegni.

Come hai potuto sapere dalla televisione anche molte primarie aziende Americane sostengono la necessità di ridurre le emissioni di gas serra e l’inquinamento in generale.

E’ importante che i nostri nipoti abbiano la garanzia di poter vivere nel loro futuro in un ambiente che sia come quello che i nostri nonni ci hanno lasciato.

 

IPERBLOCK® base calce garantisce questo risultato.

 

In proposito ti invito a leggere “ti presento Iperblock base calce”, perché tu possa approfondire la conoscenza di IPERBLOCK® base calce.

Quindi ti invito ad utilizzare IPERBLOCK® base calce perché avrai anche tanti altri vantaggi e benefici, quali:

  • risparmiare tanti soldi nella fase di costruzione,
  • ridurre i tempi di costruzione di mesi,
  • non avere problemi di sorta all’atto dello smaltimento di eventuali scarti, essendo un prodotto assolutamente naturale che non contiene gesso, amianto, o qualsiasi altro elemento nocivo
  • risparmiare tanti soldi di riscaldamento e condizionamento
  • sicurezza assoluta contro il fuoco e contro il sisma
  • top del confort e del benessere abitativo
  • garantire la massima salubrità salute igiene della costruzione
  • ottenere il maggiore abbattimento di anidride carbonica durante tutta la sua vita tecnica, e quindi
  • la massima eco-sostenibilità in modo che i nostri nipoti possano continuare a vivere in un mondo sano uguale a quello che i nostri nonni ci hanno lasciato.

Grazie per aver letto fin qui.

A presto

Ulderico Ceccarelli